Presentata la XXI stagione “Eventi Musicali” dell’Orchestra della Magna Grecia. Ventuno gli appuntamenti per tutti i gusti musicali

Di GABRIELLA RESSA

L’Orchestra ICO della Magna Grecia ha presentato la ventunesima edizione della stagione concertistica   “Eventi Musicali”. Il direttore artistico Piero Romano ha presentato gli eventi, 21,  che si snoderanno presso il teatro Orfeo ed il Circolo Ufficiali della Marina Militare a partire dal 26 ottobre fino maggio 2013. Con lui l’assessore regionale al bilancio avv. Michele Pelillo e l’area manager Puglia sud di Banca Carime, dott. Fabio Poli.

Un cartellone fatto di duetti e di parallelismi “– ha sottolineato Piero Romano, nel presentare la stagione, anche quest’anno eclettica ed in grado di incontrare i gusti competenti e variegati del pubblico. Ogni appuntamento è contraddistinto da una sigla – SS = stagione concertistica, DC = domeniche in concerto, EM = eventi musicali, a testimonianza della composita programmazione. Si passa dalla premiere mondiale di Gino Gaoli e Nina Zilli, che canteranno insieme per la prima volta il 5 dicembre prossimo, inaugurando la XXI stagione, alla rivisitazione in chiave sinfonica dei più popolari brani del Musical, con Graziano Galatone e Simona Galeandro nel concerto di natale,  o dei successi di Domenico Modugno, al repertorio classico ispirato alla musica tzigana che  sarà  affidato allo straordinario violino di Géza Hosszu Legocky e alla bacchetta di Luigi Piovano. L’obiettivo è aprire il mondo sonoro della grande orchestra sinfonica a differenti stili e categorie musicali, realizzando così un’inedita “trasversalità” artistica con la riproposizione e la rielaborazione, nelle sonorità tipiche della orchestra sinfonica, di repertori composti originariamente in altri ambiti musicali. In un atto unico per attore, chitarra e orchestra l’attore tarantino Michele Riondino, noto come il giovane Montalbano,  racconterà la storia dei Beatles rivivendola attraverso gli occhi di David Chapman, l’assassino di John Lennon, ed ancora  per la prima volta in assoluto due trombettisti di livello eccelso, anche se di estrazione diversa,  il russo Sergei Nakariakov e il jazzman italiano Fabrizio Bosso, suoneranno insieme. Per quanto attiene alla musica  classica Mariangela Vacatello interpreterà le “Variazioni su un tema di Paganini” di Rachmaninov, Ilya Kim il Concerto Folklorico per piano e archi di John Carmichael e il pianista Roberto Cappello il primo concerto per pianoforte e orchestra di Tchaikovsky. Per la lirica due baritoni, Domenico Colaianni e Noris Borgogelli  si sfideranno nei più celebri duetti dell’opera buffa. Ancora la lirica sarà protagonista  nel tradizionale Concerto di Pasqua, con il recital del mezzosoprano Agata Bienkowska e, per la danza, si esibiranno in  “DUUM”, i Sonics, ballerini-acrobati del nouveau cirque e della danza acrobatica.

Il concerto inaugurale del 5 dicembre  sarà preceduto dal  concerto dell’ artista francese Richard Galliano, che si esibirà con l’orchestra della Magna Grecia; nel secondo Luigi Piovano, primo violoncello dell’Orchestra di Santa Cecilia di Roma, dirigerà l’orchestra nel ruolo di direttore musicale,  impegno che porterà avanti per due anni.

Piero Romano  ha voluto rappresentare, attraverso la “Trilogia del Mare”, il ruolo costruttivo e propositivo della cultura nel dibattito che la crisi industriale ha aperto a Taranto. Il mare può raccontare la storia del territorio: “Mare Metallico” di Giovanni Tamborrino parlerà del presente della nostra comunità, “Mare Leggendario” di Maurizio Lomartire racconterà i miti della nostra terra,“Mare Futuro” di Nicola Locritani trasporterà in musica una visione, mai utopistica, sul futuro della città.

Michele Pelillo ha riconosciuto il ruolo svolto sul territorio dall’Orchestra della Magna Grecia per la promozione e lo sviluppo della cultura, invitandola “a perseverare nel proprio impegno, pur nelle difficoltà oggettive che ogni vicenda umana incontra in questo periodo. La famiglia Romano – ha sottolineato Pelillo – in questi 20 anni ha costruito una parte rilevante di ciò che è oggi Taranto. Come ogni albero che ha radici profende tende a non far franare il terreno, così l’associazione vuole approcciare la grande questione del momento senza scansarla, con serietà. Nella vicenda Ilva non sta venendo fuori  l’aspetto culturale della questione. Per decenni abbiamo anteposto, per una serie di ragioni, il lavoro alla salute. Oggi tutto si capovolge, ciò che sta accadendo a Taranto, città del sud occupata da una industria ciclopica, sarà simbolo per tutta la nazione. Il mio auspicio è che questo passaggio culturale avvenga velocemente, perché il diritto alla salute non è negoziabile”.

Partner culturale e sociale dell’ Orchestra, nel 2003 riconosciuta ICO (Istituzione Concertistica Orchestrale) dal MIBAC, è la banca Carime, che ha rinnovato la presenza con l’impegno, tramite l’ICO Magna Grecia, di diffondere ingressi ai concerti alle fasce sociali deboli e agli studenti di musica delle scuole tarantine. Il dottor Poli ha sottolineato che “business ed affari devono essere integrati con il territorio e devono promuovere la cultura”.

Costi abbonamenti: poltronissima – 279 euro, platea centrale, I° galleria -259 euro, II e III galleria – 235 euro. Informazioni allo 099/7304422-7328884-7305648 o sul sito www.orchestramagnagrecia.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...