Il Concilio Vaticano II: una lettura a distanza di 50 anni.Relatore mons. Franco Castellana in un incontro del Serra e del Maria Cristina di Savoia

dalla REDAZIONE

Cosa è stato il Concilio per la Chiesa universale? Le speranze e le attese di quegli anni fecondi come appaiono a distanza di 50 anni? L’apertura dell’Anno della Fede, voluto da Benedetto XVI nel cinquantesimo anniversario dell’apertura del Concilio l’11 ottobre 1962, è stata l’occasione per il Serra International Italia e per il Gruppo Maria Cristina di Savoia, associazioni laicali guidate da Maria Silvestrini e Giulia Branca Acquaviva, per una riflessione attenta su quell’evento di grazia di cui la Chiesa ha beneficiato nel XX secolo. La serata si è svolta alla presenza del nuovo Assistente Spirituale don Giovanni Chiloiro, succeduto al compianto mons. Michele Lucarella. Mons. Franco Castellana, Vicario per lunghi anni della nostra Diocesi e sacerdote di profonda dottrina e spiritualità, ha illuminato le menti ed i cuori dei presenti. L’ambiente culturale europeo all’epoca del Concilio era assai differente dall’odierno contesto, per quanto alcuni fenomeni fossero in divenire. L’appartenenza alla Chiesa era ancora un dato considerato scontato, oggi siamo invece di fronte ad un crollo verticale della fede. Si invoca un’etica, ma l’individualismo dilagante che ha fatto dell’uomo il centro di tutto, non consente punti certi di riferimento. Bisogna ricostruire i cammini della fede a partire dai pilastri e la bussola per i credenti è proprio il Concilio Vaticano II, con i suoi quattro documenti fondamentali che si incastonano nella vita della Chiesa contemporanea come ai bracci di una croce.

Esse sono la Dei Verbum, costituzione che ricollocò al centro la Bibbia, la sua lettura, la sua meditazione, la Lumen Gentium, forse il documento più rilevante, definito da Paolo VI la magna charta del Vaticano II, che definisce la Chiesa “Mistero… sacramento di Cristo….segno e strumento dell’intima unione con Dio e dell’unità di tutto il genere umano”, la Sacrosanctum Concilium, che rinnovò la liturgia, e la Gaudium et Spes sul ruolo della Chiesa nel mondo contemporaneo.

“Ogni documento, ha detto don Franco, ha bisogno di un approfondimento specifico, ma quello che è importante ricordare è che il Concilio fu un evento pastorale libero e liberante. Un incontro di 2500 vescovi di tutte le parti del mondo che mai si era visto prima, pastori capaci di mettersi in ascolto della Parola di Dio e del mondo in profondo divenire”. La Chiesa si aprì alla collegialità, di cui il Sinodo è uno dei frutti, cambiò il suo atteggiamento nei confronti del mondo, abbatté gli steccati, cercò l’incontro con le Chiese separate e con tutti gli uomini di buona volontà, indipendentemente dalla religione di ciascuno. Intorno all’umanità di cui tutti siamo rivestiti, ci si può incontrare in un percorso di bene e di pace.

Il Concilio fu uno scossone fortissimo, un vero terremoto che ringiovanì la Chiesa agli occhi del mondo e ne mostrò la grande capacità di rinnovarsi dall’interno. Il mondo, non solo la Chiesa, dopo il Concilio non fu più lo stesso. L’esigenza di un rinnovamento profondo investì le civiltà occidentali, mentre l’Africa e l’Asia iniziavano percorsi di democrazia e di sviluppo. I frutti che sono maturati in questi anni sono molti, ci sono state difficoltà, molte questioni sono rimaste aperte, ma la sua indubbia efficacia è sotto i nostri occhi. Il Concilio raccolse l’eredità di duemila anni di storia e, nella continuità della dottrina, seppe modificare i linguaggi con cui indicare alla società contemporanea la luce di Cristo. Nei suoi documenti, attualissimi, ancora molte sono le indicazioni da approfondire ed attuare, ecco perché in quest’anno della fede “il Concilio può essere e diventare sempre di più una grande forza per il sempre necessario rinnovamento della Chiesa”.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...