Un’altra idea per Taranto… Da Pino Russo parte l’idea di una Fondazione

di GABRIELLARESSA

L’Accademia degli Audaci, con il suo presidente Giuseppe Russo, ha raccolto i rappresentanti delle classi dirigenti tarantine per presentare l’idea di una riconversione urbana della città,  che ripensi completamente il tessuto produttivo, gli spazi e l’identità culturale. Coraggio, unità, idee, queste le caratteristiche essenziali per poter ridisegnare Taranto. Questo l’invito venuto da più parti, in primis da Michele Pelillo, Assessore Regionale al Bilancio: “Servono innanzitutto le idee, poi i soldi si possono trovare”. L’idea lanciata da Pino Russo è quella di una Fondazione, che ricalchi il modus operandi di Bilbao, che attraverso il Museo Guggenheim ha saputo catalizzare investimenti e turisti, trasformando in pochissimo tempo lo scenario economico del territorio. A parlare sono i numeri che hanno coinvolto questa città basca, che presenta molte similitudini con Taranto. Bilbao ha scommesso sul suo futuro in piena crisi economica; il primo studio di fattibilità stimò che il Museo sarebbe stato visitato nel corso del primo anno – con un investimento di 132 milioni – da 400.000 persone. Ne arrivarono 1.360.000. Il sistema Bilbao ha creato 3.816 posti di lavoro nel primo anno e 5.083 nel secondo, ma soprattutto ha ridisegnato la città ed il suo sistema economico con un fatturato nel primo anno di 144 milioni e nel secondo di 167 milioni solo dall’indotto creato dal Polo Museale.

Riprogettare il futuro attraverso idee e programmi che possano catalizzare l’interesse di investitori stranieri. ”Non si può pensare ad una qualsiasi iniziativa che non veda coinvolte tutte le realtà del nostro territorio – afferma Pino Russo. Tra tutte le classi dirigenti interessate e chiamate ad esprimersi sull’idea di una Fondazione per Taranto includo anche la Marina Militare.”

Su questi temi hanno discusso Pino Russo e Fabio Amandonico della Lux Capital, -“ Go to bed with a dream, wake up with a purpose: addormentati con un sogno, svegliati con un obiettivo- questo l’invito al numeroso pubblico presente, introdotti da Monica Caradonna, e Lelio Miro – Presidente della Banca di Taranto, Emanuele Di Palma – Direttore generale Banca di Credito Cooperativo San Marzano di San Giuseppe, Gregorio Andria – Presidente f.f. Centro Interdipartimentale Magna Grecia del Politecnico di Bari,  Antonio Uricchio – Preside II Facoltà Giurisprudenza Taranto dell’ Università di Bari “Aldo Moro”, Angelo Tursi – Dipartimento di Biologia dell’Università di Bari “Aldo Moro”, Sergio Prete – Presidente Autorità Portuale Taranto, Michele Pelillo – Assessore al bilancio Regione Puglia, Antonella Carella – Assessore al Centro Storico di Taranto, Angelo Bonelli – Presidente Nazionale Verdi, Don Antonio Panico, Vicario episcopale per la società e l’ambiente.  Dalla serata è arrivata la disponibilità a partecipare alla creazione e gestione della Fondazione, una cui idea già c’è; l’ha annunciato Lelio Miro durante la tavola rotonda. Ora tocca a tutti i protagonisti  della serata dare concretezza all’idea lanciata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...