TARENTUM. L’auditorium torna alla fruizione dei tarantini. Grande serata inaugurale

 

ferruzzo diodato marti

Di GABRIELLA RESSA
C’era il pubblico colto delle grandi occasioni alla serata inaugurale del Tarentum , l’Auditorium tornato a funzionare dopo 18 anni, a causa di un incendio che ne decretò la chiusura, ed inaugurato con uno spettacolo di arte varia il 5 maggio u.s., presentato da Fabiano Marti, attore tarantino.
Proprio questo è stato il leit motiv della serata, la tarentinità dei grandi protagonisti, che si sono esibiti in un susseguirsi di recitazione, musica, bel canto. Anna Ferruzzo, attrice tarantina nota al pubblico italiano per la sua ultima interpretazione in “Braccialetti rossi” ha recitato – splendidamente – Omero. Poi i maestri dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Paisiello – Dante Roberto al pianoforte, Giuseppe Di Gioia al flauto e Giuseppe Grassi al violoncello hanno proposto un repertorio difficile, ben costruito, per il concerto lirico del baritono Antonio Stargapede e del soprano Loredana Cinieri. Nel programma eseguito anche i tarantini Paisiello e Costa.
Due performance di Fabiano Marti, che ha dimostrato la sua bravura come attore e non solo come presentatore – riuscitissime le sue battute veloci con i presenti – anche l’arcivescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro non ne è stato esente – e poi la musica del tarantino Diodato, che ha cantato e suonato Ubriaco e Babilonia.
Lo spazio d’ascolto, luogo di incontro tra arte e fede, così come lo ha definito mons. Carmine Agresta, presidente dell’Associazione che porterà avanti le iniziative (maggio è già programmato), si pone come punto di dialogo tra le persone. Cioè un “Cortile dei gentili”, luogo  deputato all’incontro tra realtà diverse. Mons. Filippo Santoro lo ha sottolineato nel suo intervento, ricordando come il punto di partenza sia sempre la fede, accomunata dalla cultura, “perché le persone possano sentire un messaggio che fa accrescere , che fa ampliare l’intelligenza, e che è capace di riscaldare il cuore”.
La struttura, bellissima, è corredata di 344 posti a sedere tra platea e galleria, di un servizio audio e luci innovativo, compresa la possibilità di proiettare pellicole cinematografiche. Versatile e moderno anche il foyer in grado di trasformarsi da sala di sosta a sala di eventi e incontri, come reading o laboratori creativi.
La mini-stagione del mese di maggio prevede i seguenti appuntamenti:
13 maggio ore 21.30 – uno spettacolo musicale jazz “RIPESANDO MONK” affidato a Ettore Carucci al pianoforte, Camillo Pace al contrabasso e Marcello Pace alla batteria.
16 maggio ore 20.30 – si parte con il teatro con “IL SILENZIO” con adattamento e regia di Alfredo Traversa, tratto dal libro omonimo diG.Beltotto.
22 maggio, ore 20.30 – proiezione del film “I COLORI DELLA PASSIONE” diMajevski con RutgerHauser
24 maggio ore 20.30 – ancora teatro con “STORIE DI MIGRAZIONE-narrazione teatrale” tratta da libro omonimo di Sara Faieta. Alle 18.30 conferenza sul tema della migrazione ospiti Dr.GiuseppeSangiordi e On.le Khalid Chouki.
25 maggio alle ore 20.30 – musica e comicità con i TRIBEMOLLE IN MUSICA MA ESTRO scritto da Fabiano Marti.
29 maggio ore 20.30 – ancora cinema con la proiezione di L’AMORE INATTESO di Anne Garrefi con Eric Caravaca

Informazioni al 3454734766 – info@auditoriumtarentum.it

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...