Parole di vita. La testimonianza di Ania Goledzinowska

ania rc news

di SILVANA GIULIANO

“Parole di vita” è il tema del ciclo di testimonianze inserite nell’ambito dei festeggiamenti civili per la Madonna Addolorata, un’esperienza nuova che la Confraternita ha fortemente voluto invitando quattro testimoni che vivono con coerenza secondo il messaggio divino del Vangelo.

“Non è stato difficile invitare persone famose ai nostri incontri – ha sottolineato Raffaele Vecchi priore della ConfraternitaMaria SS.Addolorata e San Domenico – tutte hanno accolto il nostro invito lieti di poter partecipare ad un momento così significativo della vita della Confraternita.

Ospitiamo Ania Goledzinowska, Matteo Marzotto, Fabio Salvatore e, infine, don Aniello Manganiello, il prete anticamorra. Il titolo stesso, Parole di vita, ci indica che sono incontri-testimonianze, durante i quali le persone dichiarano la loro profonda fede e indicano a noi cristiani-cattolici quale sia per loro il significato di fede nella maniera più intima e profonda, affinché possiamo confrontarci con queste testimonianze. Questi incontri sono importanti, sia per la levatura degli invitati sia perché la fede, per noi, è importante anche nell’ambito della vita confraternitale. Il nostro scopo è fornire a tutti degli strumenti validi affinché la fede diventi il fulcro della propria vita, all’interno e fuori della Confraternita”. Marina Cordola, prima assistente della Confraternita, ha portato i saluti del sodalizio, mentre la giornalista Gabriella Ressa ha presentato l’incontro.

La prima ospite è stata Ania Goledzinowska, polacca di nascita e pugliese di adozione, una donna giovane e bellissima, che dopo un’infanzia e un’adolescenza difficile, ha subito violenza fisica e morale, è stata modella di successo, sfilando per le più importanti case di moda. Poi un giorno, improvvisamente, è arrivata la chiamata. “La Madonna di Medjugorje – ha raccontato Ania – ha cambiato radicalmente la mia vita, dopo Milano ho vissuto a Medjugorje con le suore. Oggi la mia vita si basa sulla preghiera e la partecipazione alla Santa Messa. Il 25 marzo di quest’anno mi sono sposata, ho finalmente conosciuto il vero amore; per me la consacrazione più importante è la famiglia, oggi in pericolo, perché si sfascia con troppa facilità. Questa è la mia missione: la famiglia. La mia vita da modella era piena di tutto, ma vuota, solo apparentemente una contraddizione, ma era vuota dentro, nulla riusciva a colmare il vuoto, pur avendo tutto. Essere modella non ti dà la felicità, perché quando ti alzi la mattina e ti guardi nello specchio ti accorgi di non avere niente di vero e sincero attorno a te, perché quello che è intorno è solo finzione”.

A Medjugorje ha conosciuto la conversione e lì ha fondato “Cuori puri”. Oggi gira l’Italia portando attraverso il Vangelo la parola di Cristo. Cuori puri è un’iniziativa di ispirazione Cristiano-Cattolica, che promuove il valore della Castità Prematrimoniale e che in poco tempo ha raggiunto settemila iscritti. Ania ha creato questa causa perché la trasgressione più grande oggi, è quella di non concedersi. Il vero amore fra due persone, che si amano, è proprio quello di rispettare i propri corpi.

La serata si è conclusa con il saluto dell’assistente spirituale mons. Cosimo Quaranta e con la recita dell’Ave Maria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...