Pro Domo Sud, le intelligenze e le competenze del territorio a servizio della salute. Alla Cittadella della Carità la presentazione dei risultati.

tavolo

di GABRIELLA RESSA

Un parterre d’eccezione ha caratterizzato la platea dell’Auditorium della Fondazione San Raffaele Cittadella della Carità, in occasione della presentazione dei risultati del progetto sperimentale di innovazione sanitaria PRO DOMO SUD, inserito nell’Apulian ICT Living Labs. Il motivo era molto semplice: i risultati del progetto hanno delineato la possibilità di estendere sul territorio la sperimentazione che ha messo in evidenza due elementi: è possibile ridurre i costi dell’assistenza sanitaria, e migliorare la qualità della vita del paziente. Dopo i saluti iniziali del presidente della Fondazione San Raffaele Cittadella della Carità dr.ssa Gianna Zoppei, si è entrati nel merito dell’argomento.
L’interesse per la telemedicina come possibile anello di congiunzione tra Ospedale e territorio è stato affermato dall’assessore regionale al Welfare Donato Pentassuglia, che ha assicurato di prestare particolare attenzione alle novità tecnologiche che permettono di offrire le cure al domicilio.
Il dr. Vito Antonio Russo, primario di Cardiologia all’Ospedale SS. Annunziata e delegato della ASL di Taranto ha parlato dell’importanza della “rete” degli attori coinvolti nell’assistenza agli anziani. Il prof. Raffaele Antonelli Incalzi, Coordinatore Scientifico della Fondazione San Raffaele Cittadella della Carità e Ordinario di Geriatria all’Università Campus Bio-Medico di Roma, mente del progetto, ha illustrato le evidenze scientifiche che dimostrano l’efficacia e l’efficienza della telemedicina. L’ing. Giuseppe Cavallo, coordinatore del progetto, ha riportato i dati del progetto: per quanto riguarda il monitoraggio domiciliare dei pazienti cronici, il dato più rilevante è stato quello delle riospedalizzazioni. Il campione di pazienti monitorato è stato ricoverato nel corso del 2013 una media di 2,8 volte annuale per insufficienza cardiaca e shock con una spesa che ha superato i 150.000 euro (circa 15.000 euro a paziente). Nel corso della sperimentazione svoltasi con 10 pazienti da Gennaio ad Agosto 2014, non si è avuto alcun caso di riospedalizzazione, dato estremamente significativo se si considera che il costo del monitoraggio è di gran lunga inferiore.
Il dato fa evincere il risparmio che si potrebbe ottenere in termini di spesa sanitaria se si estendesse una tale esperienza su un bacino di pazienti più alto. Inoltre, una indagine effettuata sugli stessi pazienti dimostra come essi abbiano percepito realmente l’incremento dalla qualità dell’assistenza ricevuta e non abbiano riscontrato particolari difficoltà tecniche nell’uso del sistema, nonostante l’età media elevata del campione (69 anni).
Il progetto ha visto l’importante collaborazione della Cittadella della Carità, sia per quanto attiene alla scelta dei pazienti che al supporto del personale sanitario che per aver ospitato la sede operativa del progetto.
Era presente la consigliera regionale Anna Rita Lemma.
L’ing. Francesco Surico di InnovaPuglia ha ricordato l’impegno della Regione Puglia nel sostenere nuovi progetti, come Pro Domo Sud. Il workshop è terminato con gli interventi del prof. Carmine Viola dell’ISBEM e di Massimiliano Roccetti, presidente della rete di imprese E.S.S.
L’interesse per i possibili sviluppi futuri di Pro Domo Sud sono stati manifestati da tutti i presenti, il presidente del Centro Interdipartimentale Magna Grecia prof. Gregorio Andria, l’assessore all’ambiente del Comune di Taranto dr.Vincenzo Baio, i direttori generale e sanitario della ASL dr. Fabrizio Scattaglia e dr.ssa Maria Leone. Insomma interesse per le nuove iniziative, che guardano a possibili scenari con speranza e attenzione all’uomo. Perché prima di tutto, hanno sottolineato i relatori, c’è l’uomo, la sua salute e la qualità della sua vita. Al di là dei numeri, esperienze come quella di pro Domo Sud servono anche a mettere in moto le intelligenze e le competenze del territorio che, come ha affermato l’ing. Surico, non è secondo ad altri contesti regionali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...