Tavola rotonda: “Startup Innovative e Crowdfundin”, organizzata dall’Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Taranto

Startup Innovative e Crowdfunding” è il titolo della tavola rotonda   svoltasi ieri a Taranto presso la Facoltà di Giurisprudenza e organizzata dall’Unione Giovani Dottori  Commercialisti ed Esperti Contabili di Taranto, con il patrocinio gratuito dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Taranto e dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, in collaborazione con la BCC di San Marzano di San Giuseppe e della startup innovativa Commercialista.com. Pubblichiamo l’intervento di Emanuele Di Palma direttore generale della BCC San Marzano di San Giuseppe.  “La fase di crisi ha accelerato la ricerca di canali alternativi al credito bancario tradizionale.  Ecco quindi apparire sulla scena nuove opportunità, basti pensare ai fondi di venture capital, ai mini bond, allo stesso crowdfunding. In Puglia, ad esempio, la BCC San Marzano di San Giuseppe, accompagna il progetto Muum Lab, diventato il primo contenitore autorizzato dall’autorità di vigilanza per le società e la borsa nel Sud Italia a raccogliere capitali sul web da investitori non professionali e da Fondi di investimento a favore delle Start up Innovative. Ci sono limiti? Assolutamente no, soprattutto alle idee. Tutti i progetti hanno comunque bisogno di un presupposto, quello di essere fattibili. La diffusione di pratiche a sostegno delle start up innovative o di imprese moderne capaci di sviluppare business non pone confini e lo vediamo ogni giorno: si va dalle azioni di acquisizione della gestione degli impianti sportivi (come il caso di Torino), al Social Impact Bond di Scampia (per la gestione legale dello smaltimento dei rifiuti), allo sviluppo di piattaforme hi-tech (l’ultimo in ordine di tempo, il caso delle cuffie Bluetooth), per arrivare ai progetti di agricoltura sostenibile e produzioni cinematografiche. Per questi motivi, come Banca locale seguiamo con attenzione e favore tutte le iniziative che già dallo stato embrionale rispondono ad una serie di requisiti essenziali: dare risposte soprattutto ai giovani, mettere in campo risorse e idee per il rilancio del territorio”.

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...