Gli studenti del Paisiello e dell’Università celebrano la Giornata della cultura 2015

210520151085

di Silvana Giuliano

Sono state le note del quartetto di arpe Diamond Strings e della Clarinet Ensemble “G. Caforio” ad accogliere i numerosi studenti che hanno partecipato alla Giornata della Cultura 2015.
Taranto, sede della Soprintendenza archeologica della Puglia, non può permettersi di perdere il Paisiello e il corso di Laurea in Beni culturali, è stato questo il coro unanime di studenti e docenti che hanno manifestato, attraverso la musica e la cultura nell’Aula magna dell’ex convento di San Francesco, sede del Polo universitario jonico, riccamente adornata dalle numerose opere grafiche degli studenti del liceo Lisippo. Ad organizzare l’incontro “Don’t kill culture, Paisiello e Università” gli studenti dell’Istituto superiore di studi musicali Giovanni Paisiello in collaborazione con il movimento studentesco del Polo Jonico.
Al convegno hanno partecipato il prof. Riccardo Pagano – delegato del Rettore al Polo Jonico, il Mº Lorenzo Fico e il prof. Domenico Rana, rispettivamente direttore e presidente dell’I.S.S.M.“G.Paisiello”. Presente il Mº Roy Paci, cantante, musicista e compositore. “Il legame fra l’uomo e il suono è indissolubile – ha spiegato Paci – è stato così fin dall’antica Grecia. I giovani del Sud hanno un quid in più dovuto anche al ricco bagaglio lasciatoci dalle varie dominazioni. Per quanto riguarda la classe degli ottoni abbiamo esportato musicisti affermatisi in tutto il mondo”.
Negli ultimi anni sono scomparsi Scienze della formazione e Scienze della maricoltura, acquacoltura ed igiene dei prodotti ittici, quest’ultima ospitata a Palazzo Amati, che attualmente versa in uno stato di completo abbandono. Vogliamo sensibilizzare la città e le istituzioni facendo cultura e dibattiti, perché Taranto non può perdere il corso di beni culturali e il Paisiello, hanno dichiarato gli studenti. Vogliamo essere cittadini di serie A, perché con il nostro impegno costante abbiamo dimostrato di esserlo. Noi chiederemo al Sindaco di far sentire la sua voce affinché non si dia un taglio netto a quella parte della cultura che ha tradizioni millenarie. Per i primi giorni di giugno si insiederà, convocato dal Prefetto, il tavolo istituzionale”. “C’è – ha dichiarato Pagano – un filo conduttore che lega i ragazzi del Paisiello con quelli dell’Università, tutti vogliono riscattare Taranto attraverso la cultura, noi come Università faremo di tutto affinché ciò accada. La cultura è conoscenza, sapere, usi costumi, tradizioni, tutte queste cose fanno il cittadino e Taranto ha bisogno di cittadini consapevoli e questi ragazzi lo stanno dimostrando”.
“Questa giornata – ha precisato Rana – è l’espressione di quello che è un obiettivo comune, cioè creare un sistema universitario. Il Paisiello per essere un conservatorio è per legge nel sistema universitario italiano. Dobbiamo fare sistema con tutta la cultura perché è l’unico fattore di sviluppo per la nostra collettività”.
Durante il convegno si sono esibite la Paisiello Brass e la Paisiello Brass Girls dirette dal M° Antonio Ricciardi e M° Anna Fasanella.
Nell’apprezzare, da vero intenditore, gli intermezzi musicali, Fico si è così espresso: “E’ un grande segnale per la città, questa iniziativa è nata proprio dalla consulta degli studenti e le Istituzioni a tutti i livelli devono ascoltare la loro voce”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...