Buon Anno MarTa

100_0662100_0665di SILVANA GIULIANO

Il 2016 si preannunzia per il MarTa un anno ricco di novità. Ne è convinta la neodirettrice, Eva Degl’Innocenti, che sabato 19 dicembre ha incontrato i giornalisti per illustrare il programma che ha intenzione di realizzare nei quattro anni del suo mandato. Insediatasi il 1° dicembre ha già conosciuto il personale e i rappresentanti sindacali, perché – come ha affermato – il lavoro di squadra è fondamentale. Ha annunziato poi che a breve giungerà a Taranto la copia in 3D della famosa Persefone Gaia. Inoltre, prima dell’estate, sarà ultimato l’allestimento del secondo piano del museo e questo permetterà la valorizzazione dei reperti che vanno dal neolitico al IV sec. a.C. Oggi è fondamentale creare un polo mostre non solo all’interno del MarTa, ma è necessario anche esportarle all’estero privilegiando l’Europa, senza però trascurare gli Stati Uniti e la Cina. Secondo il MiBACT, per il 2016 sono previsti flussi turistici proprio dall’Estremo Oriente. Inoltre, bisognerà proporre collane tematiche con pubblicazioni più agevoli sia dal punto di vista divulgativo sia grafico. I tre elementi su cui si dovrà basare la strategia saranno proprio l’innovazione, l’eccellenza e la fruizione, questa potrebbe essere ampliata organizzando all’interno della struttura aperitivi in musica. Insomma, una visione moderna simile a quella adottata nei grandi musei europei, dove caffetterie, ristoranti e punti vendita forniti ed eleganti convivono con le mostre. Un pianoforte a coda potrebbe essere collocato stabilmente nella sala degli incontri del Museo per organizzare concerti. “Abbiamo presentato – ha continuato la direttrice – in collaborazione con la Soprintendenza, due progetti Pon, asse cultura e sviluppo. Il primo riguarda proprio la caffetteria, un progetto che realizzeremo con l’architetto Augusto Ressa (soprintendente per i beni architettonici e paesaggistici) e prevede l’installazione di una struttura leggera all’interno del chiostro. Il secondo progetto è il MarTa 3.0, museo digitale; trattasi di un fab/lab, una fabbrica creativa che si occuperebbe con la realizzazione di stampanti 3D anche degli ori. Sono previsti, inoltre, tavoli multimediali per i bambini”. “I prossimi finanziamenti europei – ha aggiunto – non saranno più erogati ad una singola struttura, ma in conformità ad una progettazione territoriale integrata, dovremo quindi associarsi ad attori del leccese e collaborare maggiormente con Matera. Taranto può avere la sua rinascita dal turismo culturale”. Per Eva Degl’Innocenti anche le problematiche infrastrutturali possono essere viste in chiave positiva, attirando un turismo colto e più interessato, inoltre la nomina di Paolo Verri a commissario di Puglia Promozione è un fatto positivo perché ha sempre mostrato un certo interesse per il MarTa. Per quanto riguarda il marketing è in corso una trattativa con un’Università per una convenzione che darà la possibilità a dottorandi di collaborare con il personale del museo per l’organizzazione delle mostre e per l’inventario digitale dei numerosissimi reperti. Nel corso dell’incontro ha dichiarato di aver già conosciuto alcune associazioni, fra cui l’Associazione Amici dei Musei, presieduta da AnnaPaola Petrone Albanese. L’idea è quella di elaborare una programmazione culturale didattica 2016 rivolta a vari tipi di pubblico sia scolastico sia scientifico attraverso conferenze da svolgersi nella Sala incontri del MarTa. Un museo radicato sul territorio non solo della provincia jonica, ma della Puglia tutta, sarà anche per questo che un ulivo è stato collocato nella sala d’ingresso del MarTa. Buon Anno MarTa!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...