Ecoreati, ne parla Legambiente

si terrà venerdì 1 aprile 2016 il Convegno LA LEGGE SUGLI ECOREATI E I NUOVI STRUMENTI PER COMBATTERE ECOCRIMINALI ED ECOMAFIOSI organizzato da Legambiente a Taranto. I lavori inizieranno alle ore 16.30 presso l’ Università degli Studi “Aldo Moro” – Sede di Taranto nella Sala conferenze ex Caserma Rossarol in via Duomo.

Nel corso del Convegno saranno presentate le otto proposte di Legambiente per rendere più incisiva l’azione di prevenzione e contrasto dell’illegalità ambientale.
Si tratta di un pacchetto di provvedimenti, attuabile in questa legislatura, che consentirebbe dopo l’approvazione della legge sugli ecoreati e del Collegato ambientale, di rafforzare il quadro normativo a sostegno della riconversione ecologica del nostro Paese.
In sintesi:
1) formare sulla nuova legge tutti gli attori del sistema di repressione dei reati ambientali (forze dell’ordine e Capitanerie di porto, magistrati, Arpa, polizia municipale, aree protette);
2) definire linee guida nazionali per garantire una uniforme applicazione della parte delle legge sui reati minori che non rientrano tra i delitti ambientali, fino ad oggi non completamente garantita;
3) istituire un Fondo nazionale presso il ministero dell’Ambiente dove far confluire le sanzioni per i reati minori da utilizzare solo per bonificare i siti orfani sul modello del Superfund statunitense;
4) potenziare le attività d’indagine contro gli ecoreati attraverso un corpo di polizia ambientale specializzato e sepre più strutturato sul territorio, approfittando della definizione del decreto sull’accorpamento del Corpo forestale dello Stato nell’Arma dei carabinieri;
5) approvare definitivamente il progetto di legge sul sistema delle Agenzie regionali protezione ambiente calendarizzato in aula al Senato per il prossimo 5 aprile per migliorare il sistema dei controlli pubblici in campo ambientale;
6) approvare una legge efficace per lo stop al consumo di suolo e definire quanto prima nuove regole per procedere in modo più spedito all’abbattimento degli ecomostri e delle costruzioni abusive;
7) calendarizzare la discussione del testo sulle agromafie, in corso di definizione dal gruppo di lavoro costituito del ministro della Giustizia Andrea Orlando e presieduto da Giancarlo Caselli;
8) lavorare per la definizione dei delitti contro gli animali, recuperando il lavoro fatto durante la fase di discussione della legge sugli ecoreati.

Il programma del Convegno prevede gli interventi di:
Antonio Uricchio, Rettore dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro
Stefano Ciafani, Direttore generale Legambiente
Luca Ramacci, Consigliere terza sezione penale della Corte di Cassazione
Francesco Sebastio, già Procuratore della Repubblica di Taranto
Stefano Palmisano, Avvocato, Associazione Salute Pubblica
Massimo Moretti, Avvocato Legambiente
Michela Soldo, Avvocato, Libera
I lavori saranno coordinati da coordinati da Lunetta Franco Presidente Legambiente Taranto

Nel corso del Convegno sarà presentato il libro 1994-2015 Storia di una lunga marcia contro l’ecomafia in nome del popolo inquinato di Enrico Fontana, Stefano Ciafani e Peppe Ruggiero, prefazione di Roberto Saviano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...