Tutto pronto al MarTa per la “Festa dei Musei”

Festa Museidi SILVANA GIULIANO
Sabato 2 luglio e domenica 3 sarà celebrata per la prima volta la “Festa dei Musei”. L’evento, promosso dal MiBACT, coincide con la XXIV conferenza generale dell’ICOM (International Council of Museum) che si terrà per la prima volta in Italia (Milano dal 3 al 9 luglio 2016). Alla Festa, oltre a numerosi musei, hanno aderito anche molte realtà pubbliche e private.
Il tema, che sarà al centro di questa inconsueta due giorni, è quello del rapporto tra Musei e Paesaggi culturali, argomento individuato da ICOM per il congresso di Milano. Anche il MarTa sarà protagonista con una serie di eventi che vanno dalle visite guidate ai laboratori didattici, dalle conferenze alla danza pirrica e lo scontro tra opliti.
Il programma interessante e variegato, rivolto a tutte le fasce d’età, è stato presentato in conferenza stampa nella Sala degli incontri del Museo dalla direttrice Eva Degl’Innocenti.
“L’argomento scelto dal Ministero “Musei e paesaggi culturali” – ha sottolineato Eva Degl’Innocenti – ha l’obiettivo di integrare più elementi che fanno parte del patrimonio culturale: l’elemento scientifico, quello divulgativo, senza trascurare il contributo che le associazioni apportano sia nella difesa e tutela dei beni culturali sia nella valorizzazione e fruizione. Aprire il Museo al pubblico con un approccio multidisciplinare e riuscire a comunicare che l’archeologia non serve solo a conoscere il passato, ma a costruire il presente e il futuro di una comunità. Il Museo non può svolgere un’operazione importante di politica culturale se non fa sistema con quanti operano sul territorio per offrire/diffondere quindi al grande pubblico il concetto di museo diffuso. Vista la tematica abbiamo pensato, all’interno di questo evento, di integrare alla politica culturale sia la ricerca, con l’Università della Basilicata, sia l’associazionismo con tre grandi associazioni che si sono contraddistinte per una politica interessante e vivace: gli Amici dei Musei, la Delegazione FAI di Taranto e “I Cavalieri de li Terre Tarentine”.
Con Eva Degl’Innocenti sono intervenuti Giacomo Scarfato e Paolo Pirami, rispettivamente delegato culturale e delegato del FAI Taranto, Annapaola Petrone Albanese presidente degli Amici dei Musei, Vito Maglie e Danilo Quibrino de “I Cavalieri de li Terre Tarentine”. E’ intervenuta anche Elisa Amati referente di Nova Apulia il concessionario che opera all’interno del Museo.
La Degl’Innocenti ha presentato il programma soffermandosi particolarmente sull’incontro rivolto ai bambini denominato “Cartoline d’autore”. Un programma interessante e variegato rivolto a tutte le fasce d’età.
“La cultura – ha spiegato la Petrone – è dialogo, è comunicazione, è semplicità di approccio su temi che hanno valenza comune, e soprattutto questo del MiBACT lo conferma. Ogni paesaggio se ben conservato dovrebbe poter raccontare la propria storia. L’Associazione che presiedo da anni si batte per la conservazione del patrimonio paesaggistico costiero, purtroppo con scarsi risultati”.

“La danza pirrica – ha spiegato Vito Maglie – è un rito propiziatorio, di origini arcaiche, che i soldati praticavano prima di una battaglia. Sarà eseguita nel chiostro del museo da alcuni nostri associati che indosseranno le armature e le armi riprodotte fedelmente sulla base di alcuni ritrovamenti archeologici”.
Per tale occasione, nella giornata di sabato, oltre il consueto orario ordinario, sarà prevista un’apertura straordinaria serale al costo simbolico di 1 euro, mentre per la giornata di domenica l’ingresso sarà gratuito come ormai avviene in occasione della prima domenica del mese.
Domenica il FAI di Taranto presenterà i due quadri della collezione Ricciardi che ha provveduto a far restaurare. “Sono – ha sottolineato Scarfato – il Redentore di Andrea Vaccaro e l’Addolorata di Paolo De Matteis, due tele che su indicazione della dott. Angela Convenuto, della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Puglia, avevano bisogno di interventi urgenti. I lavori sono stati seguiti dalla dott.ssa Maria Gaetana Di Capua”.

Di seguito il programma completo
Sabato 2 luglio – con orari e costi ordinari nel corso della giornata e apertura straordinaria serale dalle 20,00 alle 23,00 al prezzo simbolico di 1 euro, con le gratuità previste per legge.
Ore 17:00 – laboratorio didattico sull’archeologia del paesaggio: “Cartoline d’Autore” erogato da nova apulia età 8/12 anni – tariffa 8.00 euro Verrà valorizzato il tema del Gran Tour
Ore 17.30 – visita guidata sui paesaggi culturali “Archeologia e Paesaggio” erogata da Nova Apulia (visita 7,50 tariffa intera, 5.00 tariffa ridotta, 2,50 visitatori dai 12 ai 18 anni gratis fino a 12 anni)
Ore 18.00 conferenza della prof.ssa Maria Valeria Mininni Università della Basilicata “Paesaggio per la città e il territorio di Taranto”.
Ore 20,15 – conferenza conversazione degli Amici dei Musei di Taranto “Taranto in divenire: Gli Amici dei Musei e il paesaggio culturale.
Ore 20,15 e 21,30 visite guidate “Taranto e il mare” erogate dal museo Visita 2,50 gratis fino a 12 anni.
Ore 20,45 ed ore 22,00 visite guidate “ Il Marta racconta…archeologia e paesaggio” erogate da Nova Apulia Visita 2,50 gratis fino a 12 anni.
Ore 20,20, 20,40, 21,00, 21,20, 21,40, 22,00, 22,20 e 22,40 – manifestazione di Living History con rievocazione storica magno-greca dell’associazione “I Cavalieri de li Terre Tarentine” nel chiostro del museo. Danza pirrica e scontro fra opliti. Ingresso gratuito per gruppi cadenzati.

Domenica 3 luglio open day – con orari ordinari e ingresso gratuito
visite guidate “I capolavori swl MarTa” alle 11:00 – 12:30 – 16:30 – 18:00 erogate da Nova Apulia (visita euro 2,50, gratis fino a 12 anni.
Ore 17:00 – laboratorio didattico sull’archeologia del paesaggio: “Cartoline d’Autore” erogato da Nova Apulia età 8/12 anni – tariffa 8.00 euro. Verrà valorizzato il tema del Gran Tour
Ore 17.30 – visita guidata sui paesaggi culturali “Archeologia e Paesaggio” erogata da Nova Apulia ( visita 2,50, gratis fino a 12 anni)
Ore 18:00 – conferenza-conversazione della delegazione FAI Taranto con presentazione del restauro dei quadri della collezione Ricciardi de “Il Redentore” e de “L’Addolorata” finanziato dal FAI taranto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...