Sulla Rotonda del Lungomare il Roadshow contro la Contraffazione

1467400549204tavolo di presentazione

di MARIA SILVESTRINI
Una festa e un gioco per capire che acquistare merce contraffatta non reca solo un danno ai commercianti onesti ma può essere pericoloso per la nostra salute. Questo il primo messaggio che Federconsumatori ha lanciato domenica 3 luglio nella nostra città con un evento che fa parte di una campagna nazionale promossa dal Ministero della Sviluppo economico e a cui ha partecipato con alcuni stand anche il Centro Servizi Volontariato. Stand e flash mob per informare quanto l’acquisto di prodotti falsi può essere un danno per tutti. “Non si parla soltanto della merce in vendita nelle bancarelle improvvisate dagli extracomunitari, che sono l’ultimo anello della catena di un business che è valutato in molte centinaia di milioni di euro – ha detto il capitano della Guardia di Finanza Luigi Colucci a capo di una task force nel Porto di Taranto. Arrivano oltre 200.000 container l’anno dalle rotte del sud-est asiatico con carichi di giocattoli, capi di abbigliamento, borse, ma anche mozzarelle made in China”. Proprio la contraffazione con marchi italiani di prodotti agricoli che sono esclusivamente nostri come la passata di pomodoro o l’olio d’oliva è un elemento gravissimo per la salute e per l’economia hanno sottolineato nella conferenza stampa di presentazione Daniela Serini e Nicola Motolese esponenti di Coldiretti Taranto.
Una delle questioni più gravi, che passa sotto silenzio, è l’ambiguità con cui alcuni importatori utilizzano il prodotto importato a basso prezzo (olio, passata di pomodoro,…) per riconfezionarlo ed esportarlo di nuovo o metterlo in circolazione con l’indicazione “imbottigliato” o “confezionato” in Italia che di per sé è veritiera ma non spiega che il prodotto in questione italiano non è. Difendersi da queste autentiche truffe è possibile solo chiedendo per i prodotti alimentari l’indicazione della filiera produttiva o – come ha sottolineato Nicola Motolese – affidarsi alla produzione a km0.
La filiera del falso non è semplice da identificare, ormai la copia sembra quasi migliore dell’originale, ed in molti casi è necessario interpellare un esperto prima di bloccare un carico e sottoporlo a sequestro. Nello spazio della Rotonda i volontari di Federconsumatori hanno provato a spiegare le tante modalità per essere cittadini più attenti e responsabili con una proposta giocosa “Io sono originale”. Musica, una sorta di gioco dell’oca con il nostro notissimo Giovanni Guarino del Crest, e piccoli momenti di teatro per far capire anche ai più piccini che i nostri prodotti di qualità hanno nel costo maggiore la consapevolezza del valore del lavoro, della sicurezza, del rispetto della persona. La globalizzazione ha i suoi pregi ma anche alcuni limiti che la contraffazione ci indica in maniera impietosa. L’acquisto consapevole è una importante modalità per evitare che “la merce cattiva cacci la buona” un dato purtroppo in crescita in questa fase di crisi economica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...