La Dea in trono in scena al MarTa giovedì 1 settembre

La dea in trono - Altes Museum di Berlino

Il sorriso (enigmatico) della dea. Per la rassegna “fuoriLUOGO”, giovedì 1 settembre, in doppia replica (ore 20.10 e ore 21.30) al MarTa – Museo Archeologico Nazionale di Taranto (via Cavour 10), va in scena La dea in trono, da un’idea di Gaetano Colella, narrazione Giovanni Guarino, in scena Delia De Marco, Valentina Elia e Giuseppe Marzio, costumi Francesca Ruggiero, produzione Crest. L’evento è realizzato nell’ambito del “Programma regionale di spettacolo dal vivo per la valorizzazione delle risorse culturali ed ambientali della Puglia – 2016”. Durata 40 minuti. Posti limitati (max 40 spettatori per replica). Prenotazione obbligatoria ai numeri 099.4725780 – 366.3473430. L’accesso al MarTa prevede un ticket. Dati i tempi ristretti tra le due repliche, che cominceranno tassativamente all’ora indicata, si raccomanda la massima puntualità.

Un viaggio alla scoperta del mito di Persefone, figlia di Zeus e Demetra, che Ade, il terribile dio delle tenebre, rapì per farne la propria sposa, e quello di Afrodite, dea dell’amore e della bellezza, regina dei cuori, di quelli degli dei e, non di meno, di quelli degli uomini. Le vicende mitologiche delle due dee si intrecciano alla storia della famosa statua raffigurante una divinità femminile seduta in trono (si tratta di Persefone, dea degli inferi?, o piuttosto di Afrodite, signora del talamo e dea della fecondità?, come hanno dimostrato analisi recenti), un capolavoro assoluto della scultura magnogreca del V secolo a.C., conteso da Taranto e Locri, trafugato dall’Italia e acquistato in Svizzera sul mercato antiquario dalla Germania nel 1914.

Nella hall del secondo piano del MarTa, area aperta al pubblico lo scorso 29 luglio, è esposta una copia ottenuta attraverso tecnologie laser scanner e successiva realizzazione plastica della scultura, il cui originale è oggi vanto dell’Altes Museum di Berlino, dopo essere stato a lungo custodito al celebre Pergamonmuseum, fiore all’occhiello della cosiddetta Museumsinsel, l’isola dei musei della capitale tedesca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...