La visione francescana dell’economia

smerilli-e1456485170123-291x300maria

di MARIA SILVESTRINI
Il Convento di San Pasquale Baylon, nel cuore del Borgo, è una fucina di iniziative che sottolineano il carattere carismatico del francescanesimo. L’attenzione al rispetto dell’ambiente, alla cultura della pace, la porta sempre aperta ad accogliere e ad ascoltare. Fra Francesco Zecca e padre Antonio pongono ogni attenzione nel comprendere il tessuto sociale e spirituale della nostra città e cercano di declinare ogni iniziativa nel senso di una fraternità gioiosa e responsabile.
A conclusione della Settimana Egidiana che ha consentito l’incontro con tutte le comunità parrocchiali della Vicaria, si è tenuta in parrocchia una conversazione singolare: “L’economia carismatica: la visione francescana dell’economia”, relatrice Suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, insegna Economia politica presso la Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione Auxilium, ed Economia della cooperazione presso l’Università Cattolica di Roma.
“Può sembrare strano che i francescani, nati dal voto di povertà e abbandono dei beni materiali abbiano costruito una vera e propria teoria economica – ha esordito la relatrice – eppure una attenta lettura della storia ci racconta come nei momenti di passaggio, quando tutto sembrava volgere al peggio, sono stati proprio gli ordini monastici a riprendere in mano le fila di un ordine non solo spirituale ma anche economico. Lo ha fatto San Benedetto da Norcia impostando sull’ORA ET LABORA il recupero di una visione nobile del lavoro e la capacità di costruire intorno alle abbazie una economia sana e prospera”. Straordinaria poi la spiegazione della «gratuità». Tutto è partito dal secondo Duecento, proprio dai francescani: le cose valgono in base alla loro scarsità e la gratuità non è associata a un prezzo nullo (gratis) ma a un prezzo infinito. Certi valori infatti non si possono monetizzare. Si può dare un valore ad un gesto di attenzione, al dono di un pane o di un abbraccio, o al dono della Parola di Dio che porta un fratello? Ecco l’eccezionale carisma di Francesco d’Assisi. Ed è per questo dono soprannaturale che le regole nate dalla vocazione alla gratuità ci parlano di una economia carismatica.
La scuola francescana mantiene una stretta equivalenza tra etica privata e pubblica, tra comportamenti del singolo e la pubblica felicità: se il mercato è composto di persone legate dagli stessi ideali, allora la povertà volontaria si trasforma in uso sociale della ricchezza. Suor Alessandra sottolinea la convinzione, intellettuale e civile che sia giunto il momento di incominciare a scrivere la storia economica prendendo sul serio anche il ruolo, sociale ed economico, dei carismi, o “il profilo carismatico dell’economia”. “La storia ci mostra che quando è all’opera un carisma in una persona, e nella comunità che nasce attorno a questa, grazie a questo carisma si riesce a vedere più lontano. Se gli esseri umani cercano la felicità, oltre i beni economici e oltre il reddito, allora i carismi sono essenziali, perché non c’è gioia senza gratuità, e non c’è gratuità senza carismi” .
Alessandra Smerilli parla delle azioni nate dal francescanesimo, dai Monti Frumentari ai Monti di Pietà, la rivoluzione dell’accettazione di un minimo interesse per il capitale da investimento rispetto al significato dell’usura, la necessità di curare il fenomeno della povertà con l’elaborazione di una teoria dello sviluppo.
Oggi il carisma francescano viene ripreso dall’Economia Civile che fa riferimento a due economisti napoletani del ‘700 Genovesi e Dragonetti. Di fronte ai cambiamenti in atto e alla crisi economica solo una economia che riporti al centro l’uomo con i suoi bisogni può consentire di cambiare le linee di uno sviluppo monetario ed irrazionale che permette a solo 10 persone di avere in mano la ricchezza della metà del pianeta. Come comunità civile e come cristiani siamo chiamati ad uno sforzo comune per modificare le regole di un mercato che ha fatto propria la cultura dello scarto. Con testardaggine e coerenza ripartiamo dai carismi per cambiare l’economia.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...