Nuovo Piano Regolatore e valorizzazione degli urbanisti e architetti tarantini nel programma de “La Scelta #pertaranto”

Una priorità del programma elettorale del Movimento Civico “La Scelta #pertaranto” è il riordino urbanistico del territorio cittadino, un’attività in cui dovranno essere necessariamente coinvolte e valorizzate le professionalità di architetti e professionisti tarantini.
«Abbiamo previsto che la nuova Amministrazione comunale – ha annunciato la presidente Floriana de Gennaro – debba subito redigere e approvare il nuovo Piano Regolatore Generale (oggi P.U.G.) di Taranto, attagliato all’attuale dimensione della città, uno strumento urbanistico per affrontare e risolvere le tante problematiche che Taranto si trascina da troppo tempo».
«Nella elaborazione del nuovo piano regolatore – ha poi detto Floriana de Gennaro – dovranno essere coinvolti gli ordini professionali tarantini, per i quali il nostro programma elettorale prevede che venga costituita una Consulta comunale permanente, analogamente a quanto previsto anche per i commercianti. Riteniamo, infatti, che l’Amministrazione comunale debba avere un dialogo continuo e un confronto costruttivo che gli stakeholder del territorio».
Purtroppo l’Amministrazione Stefàno non ha voluto e saputo dialogare con gli ordini professionali avvalendosi delle loro capacità, tanto che, in occasione del programma OpenTaranto, non è riuscita a gestirlo in proprio cedendolo a Invitalia, amministrativamente e politicamente uno “scippo” di cui tutta Taranto dovrebbe vergognarsi. L’ultimo Piano regolatore comunale risale al lontano 1978, un documento nato gestire lo straordinario sviluppo che viveva all’epoca la città con il raddoppio del siderurgico, una Taranto con il maggiore tasso di inurbamento nazionale, tale da far prevedere che la popolazione sarebbe arrivata rapidamente a 500.000 abitanti.
Nel tempo si è realizzato da un lato una enorme espansione del tessuto urbano, con una oggettiva difficoltà nel garantire a un territorio così esteso i servizi più essenziali, si pensi all’isola amministrativa sulla litoranea distante 45 chilometri da Lido Azzurro, da un altro uno sviluppo disordinato con interi quartieri nati all’insegna dell’abusivismo più sfrenato.
Il programma del Movimento Civico “La Scelta #pertaranto” prevede che da subito si provveda a normare queste situazioni dando così certezze ai cittadini: è proprio il caso di Lido Azzurro, una borgata nata “spontaneamente” che oggi ha circa 500 villette unifamiliari abitate da tarantini che, pur pagando le tasse comunali, sono abbandonati a loro stessi.

Floriana de Gennaro spiega: «proprio ieri sono tornata ad ascoltare i cittadini di Lido Azzurro che in centinaia attendono, ormai da più di trent’anni, la definizione delle loro pratiche di condono edilizio giacenti presso l’Ufficio Tecnico del Comune. Per questo gran parte dei loro immobili non può essere venduta in quanto sprovvisti di un regolare titolo autorizzativo, e tutto ciò perché su quel tratto di pineta, peraltro in tempi successivi alle molte domande di condono, pendono vincoli paesaggistici, alcuni di carattere Comunitario (quali il SIC), che hanno reso pressoché impossibile le sanatorie edilizie».

«È solo uno dei punti del programma del Movimento Civico “La Scelta #pertaranto” – conclude Floriana de Gennaro – che, utilizzando gli strumenti finanziari messi a disposizione dal nuovo Codice degli appalti pubblici, prevede una visione “green” della nostra città, in cui il verde urbano sarà una componente fondamentale del benessere dei cittadini. Intendiamo coinvolgere il più possibile i tarantini nel recupero e nella manutenzione degli spazi verdi, nonché delle piazze e degli altri spazi di aggregazione sociale. È previsto, inoltre, il recupero di quelle porzioni di territorio e di tratti della costa finora lasciati nel degrado, con una particolare attenzione al Mar Piccolo e al litorale che sarà possibile rendere fruibile e balneabile».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...