30 maggio – 4 giugno “Gran festa del Baglio”

 

Baglio

di SILVANA GIULIANO
Si terrà dal 30 maggio al 4 giugno, a Taranto, la prima Edizione della “Gran Festa del Baglio”, una manifestazione unica per le caratteristiche e i numerosi eventi che offrirà alla cittadinanza.
Il programma è stato presentato giovedì 25 maggio nella sede dell’Isituto superiore di studi musicali Giovanni Paisiello da: fra’ Francesco Zecca, presidente dell’Associazione “Pittaggio del Baglio”, da Francesco Simonetti, presidente dell’Associazione il Palio di Taranto, dal prof. Nicola Fortunato responsabile del gruppo di lavoro del Polo Universitario Jonico e dal M° Lorenzo Fico. “L’Associazione Pittaggio del Baglio – ha dichiarato fra’ Francesco Zecca – è nata in collaborazione con l’Università ed ha l’obiettivo di valorizzare a livello storico, culturale e spirituale questa parte della città vecchia di Taranto. Mercoledì 31 maggio alle 18,30 nel Duomo si svolgerà  “Con sant’Egidio preghiamo per la città” celebrazioni con gli artigiani e i pescatori in onore di sant’Egidio.  Il 2 giugno, giorno della canonizzazione del santo tarantino nella piazzetta S. Egidio sarà celebrata la S. Messa, con artisti ”.
La Città vecchia era divisa in 4 rioni, chiamati Pittaggi: San Pietro, Baglio, Ponte e Turripenne. Ciascun pittaggio era legato ad una chiesa: Cattedrale, sant’Agostino, san Domenico e san Giuseppe. Proprio nel Baglio sono nati e vissuti per alcuni anni personaggi illustri che hanno reso famosa Taranto. Primo fra tutti, sant’Egidio (con la presenza della casa in cui è nato e cresciuto) due compositori: Giovanni Paisiello e Mario Costa, un poeta Tommaso d’Aquino, e molte famiglie illustri.

Scan_20170527_174151

“Il 2 giugno alle ore 18:00 – ha precisato Simonetti – nell’ambito della festa del mare si svolgerà il Torneo dei rioni – Trofeo interforze, mentre il 4 giugno percorrendo via Duomo, dalle ore 9:00 alle 22:00, alcuni maestri artigiani faranno conoscere gli antichi mestieri fra cui u siggiare e u ragnare”. Anche quest’anno all’artista Enza Sibilla Carrino il compito di realizzare la Madonna del Palio. La pittrice nel corso degli anni ne ha dipinte ben 15, una madonna altera, diversa ogni anno, ma che comunica sempre nuove emozioni.
“Il polo universitario Jonico è nel Baglio, vogliamo – ha aggiunto il prof. Fortunato – costruire un percorso culturale con il Paisiello, inoltre abbiamo pronto il progetto Via Duomo la via della cultura”.  Gli esercenti della Città vecchia sostengono in vario modo la manifestazione. Infine, grazie al priore della confraternita di Sant’Egidio, Pino Lippo, sarà possibile visitare la casa natale del santo al pendio La Riccia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...