leonardo

di SILVANA GIULIANO

Nella Villa Peripato è visibile il “Monumento alla Nave Leonardo da Vinci”, fatto restaurare nell’ottobre del 2015 dall’Associazione Amici dei Musei di Taranto. Il monumento consiste nel busto bronzeo di Leonardo realizzato agli inizi del secolo scorso nelle officine Galli di Firenze ed installato in origine sulla nave, affondata il 2 agosto del 1916. La targa collocata ai piedi del busto fu danneggiata poco dopo l’inaugurazione dell’avvenuto restauro, pertanto l’Associazione Amici dei Musei ha deciso di farne eseguire un’altra. Il socio Santo Campagna, titolare della Progest, si è assunto l’onere sia dell’esecuzione sia della posa in opera. La nuova targa è stata inaugurata martedì 30 maggio dalla presidente dell’associazione AnnaPaola Petrone Albanese, alla presenza dell’assessore al patrimonio Mimmo Cotugno, dell’arch. Maria Piccarreta, soprintendente per la Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto e dell’arch. Augusto Ressa.

targa

La nuova targa è un manufatto in metallo verniciato su basamento in cemento armato, molto più solida della precedente. L’arch. Augusto Ressa si è occupato della progettazione. La targa ricorda che il restauro del busto è avvenuto a cura e a spese degli Amici dei Musei e che il busto non è il monumento a Leonardo da Vinci, bensì alla nave. “Il busto – ha spiegato l’arch. Ressa – fu collocato nella Villa Peripato davanti alla rada del mar Piccolo con lo sguardo rivolto verso lo specchio di mare dove affondò la corazzata. La Villa – ha aggiunto – è un sito straordinario, perché è il giardino pubblico più importante della Puglia, per estensione, per stratificazione storica e per bellezza della vegetazione”. L’architetto Ressa ha lanciato, poi, un appello affinché l’Amministrazione comunale abbia una maggiore cura della Villa e provveda alla rimozione della vegetazione che cresce spontanea al di là della balaustra, perché impedisce la vista di quella parte del mar Piccolo, dove affondò proprio la Leonardo da Vinci. Fa da sfondo al monumento l’ex convento di sant’Antonio che la Soprintendenza sta restaurando e che fra non molto sarà finalmente aperto al pubblico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...