Class Epistula, il cortometraggio della cooperativa sociale Spazi Nuovi

attori Gianni Svaldi

Si è chiusa tra l’emozione di tutti la proiezione della prima del cortometraggio Class Epistula, prodotto dalla cooperativa sociale Spazi Nuovi e scritto da Francesco Vinci, utente del centro diurno Basaglia, che è una delle strutture gestita da Spazi Nuovi. Alla proiezione, che si è tenuta il 13 luglio, hanno assistito tra gli altri il direttore generale dell’Asl di Taranto, Stefano Rossi, la direttrice del dipartimento di salute mentale di Taranto Maria Nacci, il presidente Legacoop Puglia Carmelo Rollo. Presenti Antonella Caldarulo, presidente della cooperativa sociale che si occupa di disagio psichico Spazi Nuovi e il regista del corto, Raffaele Zanframundo. Gli applausi più forti sono stati però per gli attori sui quali oggi si sono accesi i riflettori, quasi tutti utenti delle diverse strutture gestite dalla cooperativa. Tra i protagonisti anche l’attrice teatrale Venere Rotelli.

Il cortometraggio incarna bene lo spirito del cinema: raccontare tematiche profonde, senza mai citarle direttamente. In questo film il tema non citato è l’incomprensione. Così i condomini di un palazzo si troveranno tra qualche risata in un pasticcio proprio per piccole e grandi incomprensioni. Sullo sfondo la ricerca di Atlantide, isola leggendaria citata per la prima volta da Platone.
“Siamo emozionati – ha detto Antonella Caldarulo al termine della proiezione – la cooperativa Spazi Nuovi è una di quelle che ha colto subito gli aspetti rivoluzionari della legge 180/78 che chiuse i manicomi e oggi vogliamo presentare questa piccola e nuova rivoluzione, questo cortometraggio scritto e interpretato da utenti dei nostri centri”.
Ha preso poi la parola il direttore dell’Asl Rossi. “Non per piaggeria, ma sono rimasto piacevolmente impressionato dal film – ha detto – La proiezione mi ha fatto ridere e pensare: da ragazzo venivo mandato alle riunioni di condominio del mio palazzo e già allora le chiamavo “l’abisso della ragione””. Rossi ha poi ribadito il trasferimento del reparto di psichiatria nell’Ospedale vecchio di Taranto (struttura che si trova al centro della città). “Intendiamo concentrare lì i servizi, in quegli ampi spazi agevoli e facilmente raggiungibili”. Sui lavori preliminari al trasferimento ha fatto cenno anche la direttrice del dipartimento di salute mentale Maria Nacci: “E’ un lavoro enorme per la sede di Taranto – ha chiarito –, ma sicuramente darà ottimi frutti”. Rollo, presidente Legacoop Puglia, cui aderisce Spazi Nuovi ha evidenziato l’azione che la lega delle cooperative sta conducendo: “Oggi mi porto a casa della positività – ha detto – Noi vogliamo costruire e ricostruire patti tra persone ma anche tra cooperative e enti. Siamo molto attenti all’apertura del nuova Psichiatria a Taranto, e stiamo lavorando perché in quegli spazi ci siano molte delle nostre cooperative che operano nel campo della psichiatria e del disagio sociale”. Hanno preso parte al film ed è giusto citarli tutti, Sergio Sussanj, Antonio Rondinelli, Kala Semidai, Vito Accettura, Antonella Pepe, Giusy Cavallone, Aristotile Marella, Gaetano Lomele, Nicola Pepe, Germana Andrenucci, Gianni Benefico. La giornata si è conclusa quindi con una standing ovation proprio per loro, gli attori che con lo sceeggiatore e il regista, con grande naturalezza hanno narrato le incomprensioni, le beghe e le miserie umane. Ma ci hanno ricordato di non smettere mai di cercare Atlantide. Isola meravigliosa che forse non c’è, che forse non è mai esistita. Ma che tutti, ognuno a suo modo e senza distinzioni sociali o cliniche, in qualche modo dobbiamo cercare di raggiungere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...