Musica è Vino. La valorizzazione delle nostre etichette

vino è musica 1

di GABRIELLA RESSA

Il caldo estivo, quello giusto, non troppo afoso, il cielo stellato, la terra con i suoi colori ed i suoi profumi, le costruzioni che rimandano alla storia vissuta ma che hanno in sé le ristrutturazioni più attente. E poi il vino, di qualità, che ha accompagnato gli ospiti della serata che ha preceduto la manifestazione “Vino è Musica”, giunta alla ottava edizione. Tutto questo, ed altro, lo abbiamo vissuto alla manifestazione che ha preceduto l’evento di Grottaglie.
La masseria Palombara, che si trova ad Oria, ha accolto l’evento con una serata che ha previsto la degustazione di tanti vini, circa 150 le etichette provenienti da 50 aziende vitivinicole della Puglia e della Basilicata, l’assaggio di cibi preparati dalla chef Valentina De Palma, la visita ai siti più antichi e rappresentativi della masseria, per immergere, metaforicamente parlando, i produttori, gli stranieri, gli ospiti tutti nella storia della struttura, che va indietro di molti secoli.
Contestualmente, in una sala riservata, la giuria popolare decretava i vini vincitori della edizione 2017. Il primitivo di Manduria, i vitigni autoctoni di Puglia e Basilicata, i rosati ed i bianchi. Circa 100 assaggi, tra gusti e fragranze diverse.

vino è musica 2
I vincitori del premio Enologico Vino è Musica sono stati premiati nel corso della prima sera della due giorni grottagliese, all’interno del quartiere delle ceramiche, dove è possibile bere vino, assaggiare i piatti di Valentina De Palma, ascoltare musica. La manifestazione nel quartiere delle ceramiche continua anche sabato 29 luglio.

La masseria Palombara è il risultato di una ristrutturazione che ha tenuto conto dei materiali e dei sistemi originali, utilizzando maestranze locali. Il padrone di casa, Angelo Lippolis, racconta che circa quindici anni ha lasciato con la moglie Londra per iniziare questa avventura. “Abbiamo sentito forte il richiamo della terra, qui hai il sole, la luce, i pomodori, le frise e tutta una serie di cose che vengono dal passato e che trasferiamo nel futuro. Chi viene qui si innamora della semplicità, della genuinità e dell’autenticità del luogo. Dovremmo essere capaci di valorizzare quello che abbiamo”.

vino è musica 4.jpg

Hanno aderito a “Vino è Musica” “…. abbiamo proposto di delocalizzare l’evento con una serata qui perché potesse essere, a sua volta, un trampolino comunicativo nei confronti di altri territori, che magari non sono lambiti da Grottaglie. Crediamo abbia funzionato”.

vino è musica 3

Balle di fieno come sedili, musica, cibo, vino, chiacchiere ed in chiusura il gelato artigianale, con i gusti più classici delle mandorle e del limone e quello innovativo e sorprendente del primitivo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...