Primo innesto di cute presso l’ambulatorio di chirurgia vascolare dell’ospedale di Grottaglie

ospedale san marco grottaglie
Praticato il primo innesto di cute presso l’ambulatorio di Chirurgia Vascolare e Terapia delle Ulcere Cutanee con sede a Grottaglie presso l’ex Ospedale “San Marco”. Le ulcere cutanee degli arti inferiori colpiscono ad oggi nel nostro Paese 2 milioni di italiani; più del 50% di essi ne soffre in maniera invalidante.
Queste patologie sono inoltre al 32° posto come causa di disabilità permanente e al 14° posto tra le 50 motivazioni adottate per l’assenza al lavoro. Presso l’ASL di Taranto è attivo da circa 15 anni l’ambulatorio di Chirurgia Vascolare e Terapia delle Ulcere Cutanee, dedicato al trattamento di queste patologie,gestito dall’equipe del Dr. Giancarlo Donnola. L’ambulatorio, con sede a Grottaglie, all’avanguardia nelle metodiche di medicazione ed operante secondo un protocollo standardizzato ha trattato centinaia di pazienti con un’ottima percentuale di successo e tempi medi, grazie all’utilizzo di metodiche innovative sia nella valutazione preliminare a scopo diagnostico, che nelmateriale di medicazione, implementando una nuova visione della “gestione del dolore”.
“Le lesioni cutanee – spiega Giancarlo Donnola – sono nella grande maggioranza dei casi causate da malattie come il diabete o da disturbi circolatori (venosi e arteriosi). Le forme più comuni sono l’ulcera venosa, che interessa il 75%di quelle dell’arto inferiore; le ulcere da piede diabetico, che portano nel 15% dei casi all’amputazione; da decubito (che colpisce maggiormente gli anziani con difficoltà nella mobilizzazione); vascolare arteriosa. Tutti i pazienti portatori di un’ulcera venosa richiedono un trattamento compressivo (salvo controindicazioni specifiche), pertanto l’ambulatorio attua, prevalentemente, metodiche di bendaggio elastocompressivo multistrato, secondo modalità standardizzate”.
“La riduzione del dolore – conclude Donnola – rappresenta, dunque, un fattore importante essendo a volte causa di peggioramento delle attività di vita quotidiana, incidendonegativamente anche sui tempi di guarigione delle lesioni, provocando ulteriore sofferenza alla persona. Nell’ottica della continua innovazione, in pieno accordo con la Direzione Generale dell’ASL e con la collaborazione della Molnlycke che ha fornito gratuitamente il materiale, la scorsa settimana è stato praticato il primo innesto di cute porcina senza dover inviare la paziente fuori ASL e inaugurando quello che è il nuovo trend di tale ambulatorio. La paziente, una cinquantenne affetta da oltre 20 anni da ulcere cutanee flebo statiche, è stata sottoposta, in sala operatoria, a un innesto di cute porcina per coprire le ulcere di ambedue le gambe, dopo il fallimento di tutte le metodiche normalmente utilizzate, compresa la camera iperbarica. Tale innesto, a un costo molto moderato, comporta una notevole riduzione dei tempi e delle spese di guarigione ma, cosa ancora più importante, ha permesso alla paziente di poter dormire senza dolore”.
L’Avv.Stefano Rossi, Direttore Generale dell’ASL di Taranto afferma – “abbiamo deciso di potenziare un ambulatorio che soddisferà le richieste dell’intera ASL. Questo si affianca anche al nuovo sistema di organizzazione sanitaria prevista dalla Regione Puglia che ha modificato la gestione dei rapporti tra Ospedali e Territorio.
L’ambulatorio curerà solo le ulcere venose (che sono la maggior parte) capendo le cause per poi stilare una diagnosi e intervenire con un percorso di curastandardizzato, ma allo stesso tempo, specifico per ogni paziente curando quelle ulcere complesse non gestibili negli ambulatori di base anche con tecniche chirurgiche come gli innesti cutanei, i debridment ad ultrasuoni e l’integrazione conil centro di medicina iperbarica dell’Ospedale Militare.
Tale ambulatorio, potrà essere il fulcro del piano d’integrazione Ospedale-Territorio in fase di realizzazionee centro di formazione non solo di personale sanitario ma anche, e soprattutto, di formatori come succederà nel mese di novembre durante il corso organizzato dall’ASL o quando verrà organizzato l’Ulcer-day per la visita gratuita a scopo preventivo dei pazienti affetti da ulcere cutanee”.
Conclude,infine,l’Avv. Rossi -“tra gli obiettivi del nuovo ambulatorio c’è anche una parte economica, perché si punterà alla riduzione dei tempi di guarigione e senza rischiare di incombere nella stessa patologia: una sorta di prevenzione e di ottimizzazione della terapia che farà risparmiare rispetto ai costi della cura vera e propria e diminuirà i costi da trattamenti fuori ASL attirando, al contrario, i pazienti delle ASL limitrofe”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...