Michele Riondino trionfa all’Orfeo con “Angelicamente anarchici – don Andrea Gallo e Fabrizio De Andrè

Orfeo Riondino

di SILVANA GIULIANO

Luci, ombre e buona musica hanno accompagnato il monologo “Angelicamente anarchici – don Andrea Gallo e Fabrizio De Andrè”, due persone anarchiche e libere, che Michele Riondino, giovane attore tarantino, ha portato sul palcoscenico dell’Orfeo. Riondino ha prestato la sua voce a don Andrea Gallo ed ha raccontato il suo quinto Vangelo: quello secondo Fabrizio De Andrè. “I miei vangeli sono cinque: Matteo, Marco, Luca, Giovanni e Fabrizio” era solito dire don Gallo. Per comporlo, il prete di strada tenne presente alcune delle canzoni dell’amico, quelle che a parer suo potevano contenere un messaggio evangelico. Don Gallo e Fabrizio (soprannominato Faber) erano vicini al popolo, ai derelitti, ai deboli e agli emarginati in genere.

Orfeo Riondino 2

Quello di Riondino è un viaggio attraverso i caruggi, le strade, le piazze e il lungomare di Genova, la città tanto amata da De Andrè e don Gallo, un viaggio in cui si incontrano tutti i personaggi raccontati nelle canzoni. Le musiche sono state eseguite dal vivo da Francesco Forni, Ilaria Graziano, Remigio Furlanut. Nel testo di Marco Andreoli le canzoni e le musiche sono funzionali al racconto, non sono semplici intermezzi musicali, ma è la narrazione che le fa scaturire (Creuza de ma, La collina, Anime salve, il Testamento di Tito, Don Raffae’, Canzone Dell’Amore Perduto sono solo alcuni dei brani proposti).
“Bisogna – recita Riondino – mettersi là e costruire il mondo pezzo per pezzo, ma tutto e non è uno scherzo, si tratta di restituire un senso alle cose, e allora avanti coraggio, la cosa buona è che si può ricominciare, si può ricominciare da un punto qualsiasi”.
Un pubblico caloroso e partecipativo ha applaudito il concittadino, ma soprattutto l’attore che ha portato, grazie all’Associazione Amici della Musica Arcangelo Speranza, uno spettacolo diverso non solo per gli stacchi cantati e musicati, ma perché tratta un tema fuori dagli schemi senza mai banalizzarlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...