La bellezza ferita, seminario sulla disabilità al centro “Abilita”

locandina la bellezza ferita

Si terrà sabato 28 aprile presso il centro “Abilita” in via Calamandrei 2 a Taranto il seminario “La bellezza ferita”. Organizzato  da Jonas Bari onlus ( Centro di Clinica psicoanalitica per la cura dei nuovi sintomi fondato da Massimo Recalcati ), vedrà le relazioni della  dott.ssa Sabina Sabatini (Socio Jonas e Psicoterapeuta del Centro Diurno “Abilita”) sul tema: Ai confini dello sguardo: l’incontro con il disabile, una sfida possibile, e la dott.ssa Maria Filomena Valentino (pediatra di base e vicepresidente Isde – Medici per l’Ambiente) sul tema: La bellezza negli occhi dei bambini. Seguirà uno spazio esperienziale con un gruppo di psicodramma analitico condotto dalla dott.ssa Antonia Guarini e dalla dott.ssa Valentina Vannetti. Sarà presente il poeta e scrittore Giuseppe Goffredo,che presenterà: Il mare laverà tutto.

Il seminario nasce dal desiderio di offrire uno spazio di riflessione circa i temi della disabilità e dell’autismo, ed è rivolto a  tutti coloro che lavorano nel campo della disabilità o che hanno un interesse in merito. L’obiettivo è quello di porre l’attenzione sulla relazione  educativa con il disabile; questa è sempre più frequentemente ridotta alla messa in atto di pratiche riabilitative, che puntano a promuovere l’acquisizione di capacità deficitarie. In una prospettiva del genere, la dimensione della soggettività del disabile passa in secondo piano di fronte all’ossessiva impellenza di sviluppare abilità e prestazioni della sua organizzazione psichica, fino a mettere in dubbio la facoltà di incidere nel processo di cura.

L’idea è quella di strutturare un percorso che possa mettere al centro dell’intervento riabilitativo lo spessore soggettivo del disabile, che non può essere schiacciato sul piano bidimensionale del suo handicap; ciò vuol dire ipotizzare  l’esistenza di un livello che supera quello fenomenico , osservabile, comportamentale vuol dire considerare il disabile  come dotato di una soggettività  che deve essere riconosciuta. In questo senso  sarà possibile proporre un nuovo modo di entrare in relazione con il disabile soffermandosi anche sul un contesto territoriale  e sulle offerte in termini di servizi riabilitativi.

L’attenzione, quindi, sarà spostata sulla città di Taranto e sull’aumento esponenziale di problematiche sanitarie legate all’inquinamento dell’ambiente con il desiderio di recuperare la bellezza di un paesaggio ferito.

Il Centro diurno Abilita è un servizio socio educativo e riabilitativo ( ex.art.60) convenzionato con la ASL di Taranto e accoglie utenti di un’età compresa tra i 6  e i 64 anni con diagnosi di debilità intellettiva, disturbi dello spettro autistico, Adhd  e disturbi psichiatrici.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...