Conferenza stampa dell’Ordine dei Medici e del Tribunale per i Diritti del Malato

 

TDM e OMCEO.jpegUnire le forze per rimettere in piena sintonia il rapporto tra medico e paziente. Questa la finalità della campagna “Cura di coppia”, promossa in Italia da Cittadinanzattiva -Tribunale per i diritti del malato ed in Europa da Active Citizenship network, in occasione delle celebrazioni della XII Giornata europea dei diritti del malato.

L’evento italiano è in partnership con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Questa mattina la professoressa Silvana Stanzione, coordinatrice della sezione di Taranto del Tribunale per i diritti del malato, il dottor Cosimo Nume, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Taranto, il segretario regionale della FIMMG Ignazio Aprile e l’avvocato Pino Provenza, nel corso di una conferenza stampa, hanno illustrato i dettagli del programma che si svolgerà nel territorio jonico.

«Abbiamo deciso» ha affermato la professoressa Stanzione «di organizzare la campagna “Cura di coppia”, a seguito della constatazione che il rapporto tra medico e paziente vive un momento difficile. Alle volte, infatti, i cittadini avvertono poca sensibilità nell’ascolto o poca empatia. Vogliamo creare una maggiore consapevolezza nei cittadini e nei medici dei diritti e dei doveri che scaturiscono dalla Carta europea dei diritti del malato e dal Codice di deontologia medica».

Il dottor Nume, dopo aver sottolineato la grande collaborazione che esiste da sempre tra l’Ordine dei Medici di Taranto ed  il Tribunale per i diritti del malato, ha ricordato l’impegno della Federazione in favore di una corretta comunicazione sanitaria: «Il rapporto tra medico e paziente, negli ultimi tempi, è diventato meno sereno rispetto alpassato, a causa soprattutto dalle fake news. Come Federazione e, a livello personale, in quanto responsabile della Comunicazione Fnomceo, siamo molto impegnati su questo fronte. Il sito https://dottoremaeveroche.it ci consente, infatti, di recuperare il rapporto di fiducia medico-paziente, smascherando le cosiddette “bufale” che hanno come unico effetto il danno alla salute delle persone».

In Italia si terranno diverse attività fino al 31 maggio, mentre il 23 è il giorno in cui la Giornata sarà celebrata anche a Bruxelles, al Parlamento Europeo, insieme alla decine di associazioni europee che collaborano con Active Citizenship network.

Nelle quaranta città italiane che hanno aderito alle celebrazioni saranno messe in campo numerose azioni che spaziano dalla presenza dei volontari nelle piazze al fianco dei medici, fino alle visite degli stessi volontari nelle farmacie, negli studi dei medici di famiglia, nei reparti, nelle Rsa, nei distretti sanitari, per incontrare i cittadini ed offrire informazioni su diritti e doveri di medici e cittadini. Nell’occasione verrà consegnato ai cittadini un utile vademecum che permetterà loro di comprendere come usufruire al meglio delle prestazioni sanitarie.

A Taranto, il 24 maggio, a partire dalle 9, all’Istituto “Pacinotti”, ci sarà una tavola rotonda sullo stato del Servizio sanitario nazionale a quarant’anni dalla sua istituzione, cui prenderanno parte Ordine dei Medici, Asl, Medici di famiglia e Tribunale per i diritti del malato.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...