L’antico Santuario della Madonna della Salute riapre oggi al culto

Don Simone

di SILVANA GIULIANO
Oggi, dopo decenni, riapre al culto la Chiesa della Madonna della Salute situata nella Citta vecchia in piazzetta Monteoliveto. Il Santuario fu costruito nella seconda metà del XVII secolo, grazie all’opera dei padri gesuiti che si erano stabiliti a Taranto già nel 1612. Nel pomeriggio, alle ore 16, l’arcivescovo mons. Filippo Santoro, con una solenne processione che partirà dalla Cattedrale di San Cataldo, riporterà nella sua sede originaria l’icona della Madonna della Salute, custodita per quasi 30 anni nella cappella del Santissimo Sacramento del Duomo. Il dipinto realizzato ad olio su tela è una copia della celebre icona bizantina della Salus Populi Romani, che si venera a Roma nella basilica di Santa Maria Maggiore. Giunto nella Chiesa, l’arcivescovo presiederà la liturgia della parola con l’accompagnamento del coro e dell’orchestra della Magna Grecia e benedirà i poli celebrativi: la mensa eucaristica, l’ambone e la sede del celebrante. Alla conferenza stampa tenutasi nella mattinata di ieri e moderata da don Emanuele Ferro hanno partecipato, oltre a mons. Filippo Santoro, don Francesco Simone, direttore dell’ufficio dei beni ecclesiastici, mons. Emanuele Tagliente, economo della diocesi e l’ingegner Gianfranco Tonti, dello studio Start.
Don Francesco Simone ha spiegato il valore storico e artistico della struttura. “La chiesa, i cui lavori iniziarono nel 1686 è l’unica a croce greca della Città vecchia. Progettata dall’architetto gesuita Tommaso Vanneschi, avrebbe dovuto avere dimensioni doppie rispetto all’attuale, ma ciò non fu possibile per le insufficienti risorse finanziarie a disposizione. L’edificio fu ultimato, dopo varie interruzioni, nel 1729. Per le vicissitudini storiche verificatesi negli anni, la chiesa passò dapprima agli olivetani, poi ai domenicani. Nel 1924 l’arcivescovo Orazio Mazzella fece ritornare i gesuiti e il 25 marzo del 1936 monsignor Bernardi elevò la chiesa a santuario mariano col titolo di Nostra Signora della Salute. Negli anni ottanta fu chiusa per dissesti statici e subito dopo i Gesuiti lasciarono Taranto. Negli anni ‘90 iniziarono i primi lavori di consolidamento e restauro del santuario, per volere dell’arcivescovo Benigno Luigi Papa, spesso interrotti a causa della difficoltà a reperire le risorse economiche necessarie. Mons. Tagliente ha sottolineato che mons. Santoro ha voluto fortemente il completamento dei lavori e quindi la riapertura al culto del Santuario. Ciò è stato reso possibile grazie ai fondi regionali stanziati nel 2015 e a quelli stanziati dalla stessa diocesi. ”

Stellato

L’ing. Gianfranco Tonti, dello studio Start, ha precisato che oltre alle opere di consolidamento e di restauro, al nuovissimo impianto di illuminazione e amplificazione è stata ripulita anche la cornice in bronzo all’interno della quale sarà posizionata l’icona della Madonna della Salute; sono stati inoltre recuperati il pulpito e la cantoria, nuovi invece l’arredo, i confessionali e l’altare in marmo pregiato progettato dall’arch.Trani che consentirà di celebrare secondo le normative e le modalità rituali”.
Per desiderio dell’Arcivescovo i sacerdoti saranno quotidianamente a disposizione dei fedeli per la confessione. I nuovi confessionali permetteranno anche di scegliere il modo di confessarsi, e nel confessionale potrebbe esserci lo stesso Arcivescovo.

Arc

L’Arcivescovo ha fatto il suo intervento dal pulpito: “Quello che mi ha spinto a insistere per l’inaugurazione di questo santuario sono state le richieste delle persone che mi parlavano di un luogo simbolo della Città vecchia. L’obiettivo è fare di questa Chiesa un luogo che favorisca la devozione verso la Madonna della Salute, salute che deve riflettersi sia nell’ambiente sia nei rapporti della vita quotidiana, in vista della collaborazione per il bene comune”.

Gesù

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...