La relazione del dott. Forleo: “La salute dei neonati a Taranto, come migliorarla?”

IMG-20190615-WA0014

La vera emergenza è quella di un’offerta sanitaria a Taranto insufficiente. Che è poi un’emergenza nell’emergenza, quella ambientale, che si nutre e tritura dati, che sposta l’attenzione sul versante dell’inquinamento trascurando tanti altri aspetti, confortati da rilievi scientifici, che concorrono a creare un quadro nel quale finiscono anche patologie non necessariamente legate alla qualità dell’aria che respiriamo.
Di tutto questo si è parlato venerdì sera, nella affollata sede dell’associazione “Le città che vogliamo”, durante l’incontro con il dott. Oronzo Forleo, direttore della Neonatologia e Terapia intensiva all’ospedale S.S. Annunziata di Taranto, organizzato dal consigliere regionale Gianni Liviano sul tema “La salute dei neonati a Taranto, come migliorarla?”.
Insomma, un ragionamento a più ampio raggio che non ha voluto chiudere gli occhi su un’emergenza lampante ma che ha voluto provare ad andare oltre.
Per cui, la faccenda dei 600 bambini nati malformati su 25.853 nati vivi nel periodo tra il 2002 e il 2015 non può essere messa da parte e consegnata agli archivi statistici soltanto perché, è stato sottolineato, la media del 2,32% è inferiore a quella europea che è del 2,56%. “Quand’anche fosse stata del’1% non potremmo considerarci soddisfatti”, ha sottolineato il dott. Forleo, “cosi come – ha aggiunto – non possiamo ritenerci soddisfatti del dato secondo il quale dal 2015 al 13 giugno 2019 su 8681 nati vivi i bimbi con malformazioni sono stati 177 pari al 2,03% quindi con un trend in diminuizione”. Ma quello che andrebbe tenuto presente è che, come ha sottolineato ancora Il dott Forleo e con lui la pediatra Annamaria Moschetti nel suo breve intervento, “nella percentuale relativa ai 600 bambini malformati bisogna tener conto di quelle malformazioni che non sono direttamente correlate agli effetti all’inquinamento”.
Allora, attenzione e costante monitoraggio della situazione ambientale, sì; eccessivo allarmismo, no. Il tutto va tenuto insieme, ha detto il consigliere Liviano introducendo il suo ospite, dal “provare a salvaguardare l’aspettativa di vita e la tenuta della comunità recuperando, appunto, un contesto comunitario e uscendo fuori dagli slogan per ragionare insieme recuperando la dimensione del rispetto”.
La sensazione, ha fatto eco il dott. Forleo illustrando ai cittadini presenti all’incontro una nutrita serie di slide, è simile “a quella vissuta quando fu lanciato l’allarme della presenza di diossina nel latte materno creando un allarmismo ingiustificato perché il latte materno, anche con la presenza al suo interno di percentuali accettabili, va comunque incentivato perché, oltre ad avere componenti molto utili per il corretto sviluppo del bambino, favorisce un rapporto ancora più simbiotico tra mamma e bambino “.
Poi c’è il “fattore società” che gioca un ruolo importante. “Adesso – ha spiegato – dobbiamo confrontarci con i cosiddetti nuovi genitori perché, nel frattempo, la società è cambiata per cui abbiamo a che fare, per esempio, con mamme minorenni, con un’alta percentuale di 14enni. Nel 2019, su 15 partorienti il 2,6% erano 14enni. Inoltre c’è una larghissima fetta di donne che non ha mai fatto analisi vuoi per motivi economici, vuoi per motivi sociali oppure per convinzione. A fronte di una società che si sta involvendo e che tende a trascurare il rapporto con i bambini e a capirne i bisogni, basti pensare che sono in vendita porta biberon con il supporto per lo smartphone, si registrano disturbi neurocomportamentali”. E quella dell’involuzione culturale è un’ulteriore e vera emergenza se si pensa che ci sono ancora fasce della popolazione che credono nella cultura magica e nell’affascino.
Ma per consentire ai bambini condizioni di salute ottimali c’è bisogno di un’assistenza sanitaria all’altezza. E qui si torna al punto di partenza: “non ci sono medici pediatri ospedalieri – ha ribadito Forleo -. Io stesso in reparto posso contare soltanto su 7 unità rispetto alle 17 di un tempo e non so come distribuire i turni. Pensate, siamo la seconda Terapia intensiva in Puglia ma abbiamo poco personale, i vincitori di concorso preferiscono non venire a Taranto perché abbiamo diffuso l’idea di Taranto città dei tumori e della diossina, la stessa Regione Puglia ci ha sottratto il servizio di trasporto emergenza neonatale assegnandolo a realtà meno importanti come Bari e Lecce con il risultato che sono stato privato di ulteriori quattro collaboratori”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...