Grande successo, a Taranto, per la V edizione del “Due Mari Winefest”

Vino

di SILVANA GIULIANO

E’ stato Filippo Bartolotta, wine educator, speacker e sommelier, ad inaugurare la V Edizione del Due Mari Winefest. Bartolotta è stato definito dalla rivista statunitense Forbes il Virgilio di Obama per aver scelto i vini per il Presidente degli Stati Uniti nel corso di una visita in Toscana. Bartolotta ha condotto una degustazione sui catamarani della Jonian Dolphin Conservation con il rosato Le Pozzelle dell’azienda Candido.
Durante la traversata nel Mar Piccolo, Bartolotta ha presentato il suo ultimo libro, “Di che vino sei?” Hanno dialogato con l’autore Stefania Ressa e Antonio Mandese della storica libreria di Taranto. Nel testo l’autore spiega come il lettore può scegliere il vino giusto in base al proprio profilo o archetipo. Il vino potrà anche accompagnare il piatto sia per analogia sia per contrasto aromatico-gustativo. Obiettivo dell’abbinamento è rispettare la natura del cibo e del vino.
libro

Nella Galleria Meridionale del Castello, Bartolotta ha tenuto una degustazione verticale lunga 27 anni con Il Falcone dell’Azienda Rivera (annata 1986 – 1995 – 2001 -2010 – 2013 – 2002 – 1997, gli ultimi due al buio).
Il Falcone

Nella stessa serata sul palco del Due Mari WineFest, allestito in Piazza D’Armi, sono stati annunciati i vincitori del Premio Due Mari Winefest 2019 per le categorie: miglior rosso, bianco e rosato.
La giuria, composta dal delegato AIS Taranto Domenico Stanzione, Marco Amatimaggio, Francesco Cappellari, Pietro Carmelo Mitrangolo, Pierpaolo Pulpito, Oronzo De Padova, Mariella Brogi e Silvana Giuliano, riunitasi nel pomeriggio di giovedì 20, ha degustato i vini (16 bianchi, 12 rosati, 16 rossi) al buio e ad ognuno ha attribuito un punteggio. Sono risultati vincitori:
Categoria Bianchi
1° POSTO – 12 e mezzo di Varvaglione
2° POSTO – Cré di Cantine Vetrère
3° POSTO – Serra Petr’alba di Cantine San Pancrazio
Categoria Rosati
1° POSTO – Taranta di Cantine Vetrère
2° POSTO – Rosato di Negramaro di Tenute Tocci
3° POSTO – Rosato di Negramaro di Tenute Motolese
Categoria Rossi
1° POSTO – Carus di Tenute Tocci
2° POSTO – Imperio di Cantine Tinazzi
3° POSTO – Campo Appio di Cantine San Pancrazio

Buona 1

Protagoniste della serata di sabato l’on. Ylenia Lucaselli e Marianna Cardone, delegata regionale Donne del vino, che hanno partecipato al dibattito condotto da Serena Di Matteo. Tema della discussione: “Il Ruolo della donna nel mondo del vino”.
Ylenia Lucaselli è Global Advisor per la Southern Glazer’s Wine&Spiritis, la più grossa compagnia di distribuzione di vini in America. “Siamo tutti un po’ ambasciatori del vino – ha dichiarato – nel mio caso per lavoro racconto le più belle storie italiane. Il vino è espressione del territorio, ne narra la storia, la vicinanza e la lontananza dal mare, racconta le montagne e la passione di chi raccoglie le uve. Ancora oggi è molto conosciuto il vino toscano, perché la regione rappresenta un punto di riferimento dei turisti. La Puglia da qualche anno comincia ad essere conosciuta, ma dobbiamo fare in modo che tutte le regioni siano ugualmente conosciute. Spero di riuscire a dare una spinta al mio Paese grazie alla mia esperienza di lavoro”.
“La donna – ha precisato Marianna Cardone – che decide di dedicarsi a questo settore, appannaggio fino ad alcuni anni fa degli uomini, grazie alla diversificazione delle piccole aziende, trova il suo spazio spesso dedicato al marketing, all’accoglienza al rapporto con gli operai. Sono soprattutto le donne preposte al taglio dell’uva grazie alla manualità e all’accuratezza, tipica dell’indole femminile. La donna, inoltre, è capace di spaziare, di legare il racconto della nostra esperienza a diversi temi, dalla cultura, al racconto della famiglia. L’uomo invece è più tecnico. Probabilmente arriva prima all’obiettivo, ma alla fine, noi siamo più affascinanti”.
Per tre giorni la banchina del Castello Aragonese si è trasformata in una vetrina di luci, colori e profumi, in cui il vino è stato protagonista assoluto. Una vetrina elegante, mai sfruttata per questo genere di eventi che ha attratto quanti passeggiavano per Corso due mari
Ottimi vini, tutti abbastanza conosciuti. Fra i tanti anche due nuovi arrivati: Idea, un rosato da primitivo di Varvaglione 121 e Terrise, un bianco da Chardonnay e Sauvignon di Erminio Campa.

Terrise

Molto apprezzate le Masterclass condotte dai sommelier dell’AIS in cui i partecipanti hanno approfondito le caratteristiche di vini come il Chianti, il Grechetto, il Lambrusco e la Malvasia.

due mari castello

Il Due Mari WineFest già dalla precedente edizione ha varcato i confini regionali,  lo attestano  i gemellaggi con il Wine Show di Todi e il Florence Wine Event, segnale questo di apertura nei confronti di altri territori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...